FIRSTROW la piattaforma digitale per le aziende.

 

Come nasce una piattaforma digitale.

Nel 2020 Saci Project, in collaborazione con una Digital Foundry, ha deciso di integrare nei suoi servizi una piattaforma per eventi digitali e networking aziendale. Si trattava di un progetto di ricerca e sviluppo che partiva dall’idea di rendere accessibile a tutte le aziende l’utilizzo di una piattaforma digitale dedicata alla realizzazione di eventi virtuali e networking aziendale ottimizzato per il B2B.

Tutto aveva inizio nel lontano 2015, quando approcciammo il mercato con l’obiettivo di sviluppare piattaforme per eventi online e fiere virtuali. Da allora abbiamo approfondito le ricerche per comprendere quanto fosse già disponibile sul mercato e acquisendo know-how tecnico e competenze sempre più elevate. In questo periodo, 2020-2021, caratterizzato da distanziamento sociale e difficoltà di relazioni in presenza, abbiamo ritenuto necessario rendere disponibile alle aziende, una piattaforma digitale in grado di diventare l’interfaccia migliore per la creazione e l’incremento delle relazioni B2B digitali, in sostituzione di quelle in presenza oggettivamente mancanti. Tuttavia la digitalizzazione delle relazioni B2B non può essere intesa unicamente come sistema alternativo, studi e tendenze dimostrano che la digitalizzazione delle relazioni riveste un ruolo fondamentale nel mondo business, a svariati livelli, pertanto anche la possibilità di portare stabilmente nel digitale alcune relazioni storicamente in presenza, potrebbe essere una opportunità e non un limite se gestista nel rispetto e nella valorizzazione del fattore umano. In questi decenni abbiamo assistito all’incremento costante del digitale nella quotidianità lavorativa, contatti, email, chat, chiamate con skype e altro ancora, sempre con un unico scopo connettere persone e creare relazioni. Perché non creare un ambiente ominicanale, immersivo e universalmente raggiungibile dove tutto questo venga gestito in modo integrato, organizzato ed efficiente?

Anche le attività da remoto, note come smart-working, coperte fino ad oggi con sistemi di call con player di gestione proprietari, si sono rivelate un interessante campo di applicazione per le piattaforme digitali, in grado di integrare sempre più funzionalità del mondo business quotidiano. Il progetto quindi doveva sviluppare una interfaccia front-end di facile utilizzo e in grado di gestire funzionalità tipiche del mondo aziendale come call one-to-one, meeting rooms, convention hall, sistemi di condivisione documentale, possibilità di assistenza da remoto, e molto altro ancora. Funzionalità oggi tutte già presenti sul mercato ma non integrate in un sistema unico, facile e universalmente accessibile.

Altra questione fondamentale presa in esame e che diede slancio al progetto fu la scelta di fornire una gestione operativa autonoma, cioè la capacità della singola azienda di gestire tutte le funzionalità in autonomia previo breve training di formazione. Realizzare riunioni a distanza in modalità professionale, condividere sessioni di testing, analisi di laboratorio o ricerche, prove tecniche su macchinari e attrezzature, accedere a documenti, video e materiale tecnico in modalità on demand, disponibili sempre e in tempo reale, erano la sfida per contenuti di valore.

La vision e la mission del progetto sono pertanto riassumibili in questi 4 punti:

  1. tecnologia accessibile a tutti,
  2. costi relativamente contenuti,
  3. possibilità di gestione e configurazione autonome,
  4. obiettivo: contribuire alla diffusione della digitalizzazione aziendale.

La pandemia ha costretto tutti ad una accelerazione anche forzata nel digitale, ma forse non tutti hanno valutato i vantaggi reali dell’ accessibilità universale ai mercati. Riduzione dei costi globali di spostamento, contenimento del carbon footprint, ottimizzazione dei tempi di lavoro, miglioramento della qualità della vita, sono alla base di questa ricerca che ha come obiettivo rendere il business più immediato, riducendo le distanze fisiche e culturali, migliorando la customer experience. In un mondo globalizzato, la personalizzazione e la capacità di fare compiere esperienze uniche a tutti, sono la risposta migliore alle esigenze di un mercato  sempre più vasto, fluido e on demand.

Per realizzare questo progetto abbiamo cercato la collaborazione con una Digital Foundry in grado di supportarci per la parte tecnico-informatica. Partendo da una piattaforma pensata per eventi e promozione del brand, abbiamo condiviso obiettivi, opportunità di sviluppo, possibili integrazioni e ottimizzazioni per rendere il prodotto sempre più user friendly,  orientato al business ma soprattutto accessibile a tutti.

Oggi nel 2021, dopo un anno di pandemia e di totale stravolgimento delle certezze consolidate, assistiamo ancora a fenomeni interpretativi controversi. Da una parte, la volontà è ancora quella di far credere che la digitalizzazione professionale per il business sia complessa, non facilmente gestibile e riservata a pochi privilegiati, dall’altra, una costante spinta verso una cultura digitale disponibile e alla portata di tutti, ma senza davvero mostrare le potenzialità di un mondo ancora da esplorare. In questo contesto confuso e in trasformazione,  l’architettura informatica è, e deve rimanere, materia per addetti ai lavori, come accade per tutte le professioni specializzate. Per contro la sua diffusione, il suo utilizzo e l’applicabilità deve diventare universale e trasversale. Per chi ancora sostiene che solo le grandi aziende strutturate, possano essere i referenti in target di questi sistemi informatici, vorrei far presente che si sta commettendo ancora una volta, il consueto errore di chiudersi e frenare di fronte all’innovazione e al cambiamento. Abbiamo imparato in questi mesi ad essere resilienti ma lo siamo diventati davvero? Siamo davvero certi di riuscire ad adattarci ad un mondo che ci sta trasformando profondamente e ancora non siamo in grado di comprenderne le potenzialità? 

La nostra proposta di valore è quella di rendere disponibile un prodotto evoluto, accessibile ad una quantità sempre maggiore di aziende, anche di piccole dimensioni, personalizzato nelle soluzioni in ragione delle esigenze, in grado di fornire risposte ottimizzate e in target. Non si tratta di sostituire modelli di comunicazione consolidati ma di affiancarne di nuovi, in modo efficace, nuove architetture per  strumenti digitali in grado di agevolare il cambiamento.

Investire e profilare.

Un altro aspetto importante e non trascurabile nella digitalizzazione è l’investimento. I temi affrontati fin dall’inizio sono stati rivolti agli investimenti necessari per lo sviluppo e alla scelta delle tecnologie da integrare nella piattaforma a supporto del business. La piattaforma proposta è un ambiente sviluppato su un software proprietario, ceduto a noleggio in modalità SaaS, pertanto accessibile a tutte le persone autorizzate e che ne richiedono l’accesso.

L’ingresso in piattaforma avviene con credenziali univoche, tipicamente sono un indirizzo email e una password, creati in modo univoco e GDPR compliance. Parlando di sistemi digitali, non possiamo trascurare il tema del trattamento dei dati personali, che rappresenta uno degli argomenti più delicati ed attuali in un mondo ormai completamente data driven. Il valore delle informazioni trasferite in una piattaforma all’atto della login, la gestione e la verifica, cioè la data analysis, relativa ai tracciamenti delle attività svolte dall’utente all’interno di ambienti digitali, sono solo alcuni dei tempi più affrontati e caldi del marketing digitale, in merito a profilazionelead generation. Di questo argomento avremo modo di parlarne più approfonditamente, per ora è importante fare un focus sul concetto base: il valore economico delle informazioni nel mondo digitale.

Alcuni aspetti tecnici.

Dove installare una piattaforma e come accedervi. La piattaforma può risiedere indifferentemente su un server hosting esterno oppure su un server aziendale interno. La configurazione e la gestione di tutta la piattaforma avvengono attraverso un CMS che consente di programmare tutte le funzionalità. Dalla creazione e organizzazione degli eventi, alla progettazione e installazione degli ambienti virtuali, alle funzionalità integrate ed integrabili in ogni singolo ambiente, tutto questo viene gestito da un CMS che per semplicità definiamo back-end. Allo stato attuale dello sviluppo della piattaforma i sistemi già integrati prevedono la possibilità di gestire contenuti documentali multimediali, video, sistemi di comunicazione one to one e one to many, player per live streaming e sistemi di profilazione come GA4, oggi molto richiesti per l’operatività quotidiana delle aziende.

Networking aziendale

Struttura ed ambienti.

La struttura della piattaforma prevede ambienti caratterizzati da funzionalità specifiche. L’ambiente  “auditorium”, eredità della gestione di eventi digitali one-shot,  dove possono essere realizzate dirette live e streaming. Tutte le dirette sia collegate con un player di gestione interno alla piattaforma, sia lanciate in streaming attraverso un player esterno per raggiugere un pubblico sempre più vasto, sono già tutte integrate nell’ambiente. Tecnicamente, generando una URL di collegamento dal player di gestione e riportandola all’interno del CMS, la realizzazione di una live session in diretta è semplice e garantisce risultati professionali. L’Auditorium è adatto per realizzare meeting o convention aziendali, sono già previste opzioni per la gestione di chat, interazioni con il pubblico attraverso Q&A e sondaggi. Queste live session sono performanti anche per tematiche di carattere tecnico, industriale o scientifico, sempre realizzabili in diretta live o anche in differita. Grazie a pochi dispositivi di appoggio, tutto avviene in sicurezza, con sistemi di protezione dalle intrusioni di tipo evoluto. L’obiettivo principale rimane sempre il networking aziendale, per questo la piattaforma è stata sviluppata con la possibilità di integrare funzionalità diverse, embedding di video, siti web o Iframe in ragione delle diverse necessità.

Ad oggi, ogni piattaforma attivata ci ha visto impegnati nella realizzazione di soluzioni castom per rispondere a necessità diverse, senza peraltro richiedere la creazione di nuovi sistemi ad hoc. La facilità di personalizzazione degli ambienti, attraverso il caricamento delle immagini in formato .jpg e .png, consente di provvedere personalmente alla creazione di ambienti nuovi o alternativi per ogni tipologia di evento. La piattaforma consente inoltre di operare modifiche e aggiornamenti progressivi per agevolare le mutevoli esigenze delle aziende sempre più immerse in un mondo fluido e in costante evoluzione.

Piattaforma ready to start.

Nella versione base vengono già configurati alcuni ambienti standard con caratteristiche differenti sia per funzionalità disponibili e già integrate che per modalità di utilizzo. Gli ambienti standard sono:

  • Hall,
  • Exhibiton/stand o ambienti brandizzabili
  • On Demand
  • Agenda
  • Lounge
  • Info

Ogni tipologia di ambiente si caratterizza con diverse possibilità di interazione. L’Exposition o ambiente stand, ad esempio, prevede già la possibilità di agganciare funzionalità come call, storage di documenti, video, embedding di siti esterni, raggiungibili attraverso tasti di attivazione specifici e menù a tendina di tipo riassuntivo. Questo tipo di ambiente, pensato inizialmente per esposizioni e fiere, è stato poi declinato in molteplici soluzione: dalla realizzazione di GDO virtuali, Centri commerciali e negozi, personalizzazioni per ambienti bancari e assicurativi, attività sportive o squadre di calcio, nel settore medico per infrastrutture, istituti privati e associazioni. Sponsor, aree tematiche aziendali, dipartimenti industriali o filiali Italia/estero, in ragione delle diverse esigenze di gestione, sicurezza e mercato di riferimento.

Il concetto di base è un “luogo virtuale” che raccoglie diversi ambienti reali virtualizzati con funzionalità personalizzate. In questo senso tutto può essere declinato ed adattato, soprattutto quando pensato per la realizzazione di eventi che prevedono la partecipazione di un pubblico. Facciamo un focus su un paio di concetti. Contrariamente a quanto si possa pensare, l’evento digitale o digital event non va confuso con la live session. L’evento rappresenta di solito una serie concatenata di sessioni live organizzate con un programma preciso, svolto in una o più giornate e sviluppato per approfondire un tema o una molteplicità di temi collegati. In questo senso tutta la piattaforma viene declinata per lo svolgimento dell’evento specifico. Le funzionalità e gli ambienti si possono personalizzare di volta in volta per ospitare servizi e attività messe in campo per catturare tutti i partecipanti e creare un coinvolgimento totale. In piattaforma il focus principale è la customer experience . Dare esperienze uniche e personalizzate a ciascun partecipante.

Parliamo ora di uno degli ambienti fondamentali che in piattaforma gestisce l’organizzazione complessiva: la hall. Dedicata all’ingresso in piattaforma, sviluppa la presentazione visuale delle funzionalità previste all’interno e svolge anche l’attività di collegamento con tutti gli altri ambienti. Ospita funzioni tipiche di una Welcome Area come info-desk o reception, con call one to one e interazioni con gli ambienti, collegati da tasti funzionali. Nella Hall si trovano tutti i link agli ambienti, raggiungibili anche dal menù di testo, integrati nell’ambiente tridimensionale che caratterizza anche il concept di comunicazione dell’azienda o dell’evento specifico. Come anticipato ogni ambientazione può essere personalizzata e anche la welcome area può essere personalizzata in ragione degli utilizzi previsti o dell’evento specifico in programma. Creando da back-end un menù personalizzato anche le singole ambientazioni possono essere modificate e collegate a diverse modalità di accesso in piattaforma, castomizzando le funzionalità raggiungibili anche in ragione del ruolo del visitatore. Possono essere strutturati differenti livelli di accesso e di visibilità grazie alla realizzazione di una struttura di categorizzazione integrata nel CMS che distingue già all’atto della log-in il livello di permessi attraverso i visitor level. Con questo sistema di gerarchia, grazie all’utilizzo di livelli castomizzati si possono creare log-in di accesso dedicate alla rete aziendale, alla rete esterna, ai prospect, agli ospiti e creare dei livelli già predefiniti di permessi. Nel settore degli eventi i visitor level possono strutturare un pubblico categorizzato  anche per fornire offerte differenziate e castomizzate in funzione del target.

L’ambiente dedicato alla raccolta e fruizione di materiali multimediali è l’On Demand, che rende disponibili materiali video embeddati da piattaforme esterne diverse, oppure caricati direttamente in piattaforma. Tutti i contenuti sono fruibili all’interno dell’ambiente in modalità autonoma e indipendente. L’embedding da sistemi di accesso web può essere fatto in pochi semplici passaggi, senza l’ausilio di particolari competenze informatiche o tecniche, semplicemente con un breve training.

Fondamentale ricordare che l’accesso in piattaforma è obbligato da una registrazione di login, GDPR compliance, che consente di tracciare gli accessi e le attività svolte da ciascun utente durante la sua permanenza in piattaforma. In ambito aziendale e scientifico questa funzione riveste assoluta importanza per  la tracciabilità dei dati, sia che si tratti di partecipazione ad eventi formativi, corsi di specializzazione, training oppure sessioni di test come collaudi o certificazioni, conoscere la risposta del pubblico e gli interessi aiuta ad organizzare e migliorare il servizio e i prodotti messi a disposizione. Affluenza, permanenza, livello di attenzione e valutazione dell’apprendimento sono metriche importantissime nel business.

Anche la partecipazione di tutta la rete aziendale ad eventi di intrattenimento è oggi un validissimo strumento di brand awareness, aiuta il team building e la condivisione della filosofia aziendale. Infine, l’opportunità nelle sessioni aperte al pubblico, di utilizzare la piattaforma per presentazioni di prodotto, sessioni personalizzate con calls su invito, divulgazioni tecnico-informative e profilazione delle preferenze degli utenti, sono ottimi strumenti per migliorare e testare le performance degli strumenti di marketing.

L’accesso in piattaforma, come prima anticipato, avviene attraverso la registrazione con ID e password univoche. Al primo accesso viene richiesta anche la conferma dell’accettazione della privacy e la nota informativa relativa alla profilazione, in ragione delle diverse tipologie di profilazione che verranno eseguite dai tools agganciati. Tutto questo garantisce l’univocità della profilazione e la sicurezza delle informazioni che si andranno successivamente ad analizzare.

Proprio grazie a questa univocità di accesso e riconoscibilità, possono essere utilizzati, a supporto della data analysis, anche sistemi di gestione aziendale e gestione del personale, integrabili on demand in ragione delle diverse necessità. Infine, anche l’aggancio in piattaforma di sistemi di pagamento tipo Pay Pal o sistemi di ticketing e prenotazione, consentono di monetizzare eventi, organizzare sessioni con sistemi di pre-registrazione, profilare l’audience e integrare in piattaforma tools di vendita online come e-commerce o fan-store, tutti gestiti in un ambiente unico.

Il single sign-on, cioè la possibilità di accedere alla piattaforma con credenziali univoche di rete, utilizzate ad esempio per login con sistemi gestionali CRM tipo Salesforce, Hubspot, Google e altri, è un sistema molto efficiente per velocizzare tutte le operazioni di registrazione e rendere facilmente fruibile l’accesso alle informazioni. In questo modo l’utente viene riconosciuto dalla piattaforma senza bisogno di registrarsi in quanto eredita tutti i permessi già ottenuti dal sistema di log-in della rete di appartenenza.

Ad oggi tutte le funzionalità di base sopra descritte sono operative nella piattaforma FirstRow, tuttavia nel digitale continue castomizzazioni si rendono necessarie, sia per rispondere alle sempre nuove e mutevoli esigenze del mercato B2B o delle tecnologie disponibili, sia e soprattutto per rispondere alle mutevoli condizioni dei protocolli di sicurezza sempre in aggiornamento. Anche utilizzo di un player di gestione di call, oggi alla portata di tutti, se visto in ottica aziendale e con finalità di business, riveste un’importanza strategia e non va considerato come un semplice sistema di collegamento. Incontrarsi sul web è facile e agevole ma va gestito in sicurezza, specialmente quando le informazioni condivise hanno carattere di riservatezza. Utilizzare piattaforme professionali sicure e non gratuite, sempre aggiornate con gli ultimi protocolli di sicurezza, garantisce qualità e affidabilità.

Uno dei temi oggi più attuali è la gestione e l’organizzazione di webinar. Questi incontri, spesso gratuiti a carattere formativo o informativo, realizzati dalle aziende in ottica marketing di lead generation, possono essere gestiti all’interno di una piattaforma digitale in modo professionale e in ambienti dedicati. Inviti, preparazione, gestione dei contenuti, collegamento a informazioni di rete, sicurezza degli invitati, creazione di ambienti coinvolgenti, rappresentano la migliore opzione di business innovativo.

Prospettive e sviluppo.

Utilizzare piattaforme di gestione proprietarie è un’opzione, avere un ambiente dove la customer journey diventa immersiva e il prospect guest viene invitato a conoscere tutto il modo aziendale in sicurezza è completamente diverso. Le prospettive di sviluppo delle piattaforme nel B2B sono pertanto infinite. Oggi lo scoglio maggiore sembra proprio essere la difficoltà delle aziende di strutturare tutti i contenuti necessari per l’utilizzo di una piattaforma digitale. Sembra banale ma creare un ambiente digitale che renda disponibili contenuti di valore e consenta di raggiungere il proprio target in qualsiasi momento, impone alle aziende un grande impegno di programmazione. In questo senso la digitalizzazione ha difficoltà operative oggettive ma superabili. Le aziende anche se desiderose di raggiungere nuovi mercati e nuovi utenti nel web, si scontrano con delle difficoltà operative sia di natura tecnica che di natura economica. Pensare di noleggiare una piattaforma digitale in modo continuativo per 365gg/anno significa cambiare gli orientamenti del marketing ed investire in modo massivo sulla rete e sui contenuti da rendere sempre disponibili. Lo sviluppo di questa modalità di comunicazione e marketing ha grandissimi margini di operatività in particolare nei settori industriale, tecnologico, medico, farmaceutico e agroalimentare. Quest’ultimo storicamente lontanissimo dal mondo della digitalizzazione, ancora oggi, nonostante la rivoluzione industriale 4.0, fatica a far decollare processi che potrebbero connettere know-how e mercati mondiali in modalità digitale. Oggi assistiamo ad una constante crescita del settore con un incremento esponenziale dell’attenzione verso il mondo della produzione e della diffusione del food, settori che durante la pandemia hanno registrato anche +30% rispetto all’anno precedente. Promuovere conferenze, condividere ricerche e programmare sviluppi, eseguire test o prove, essere in costante relazione con i vari dipartimenti aziendali di  produzione e commercializzazione, assistenza e consulenza, essere collegati con le filiali internazionali, creare una rete semplice ma efficiente, sono gli obiettivi alla base di questa ricerca continua che vuole percorre la strada della democratizzazione dell’innovazione tecnologica e dell’informazione.

Il recente presente ci ha visto combattere con difficoltà causate dalla mancanza di competenze, di know-how tecnologico applicato alla quotidianità, ha messo a dura prova le reti e mostrato tutte le difficolta oggettive degli utenti nell’utilizzare in modo efficace quanto già a disposizione sul mercato. Il settore dell’Istruzione ha subito un tracollo culturale costringendo un’intera generazione ad uno stop formativo e a riflettere sulla opportunità di ripensare il sistema scolastico e le metodologie di insegnamento. Non potendo sopperire con il know-how alla mancanza di strumenti adeguati e non sufficienti, il sistema ha messo in evidenza tutti i limiti di una società digitalizzata solo a livello teorico ma non operativo. La pandemia ha fermato il nostro mondo pseudo-digitale e ci ha messo di fronte alla necessità di valutare tutti i limiti della nostra digitalizzazione, la non padronanza di alcuni processi e la mancanza totale di informazione sui rischi, le potenzialità degli strumenti disponibili e l’incapacità operativa di renderli strumenti di connessione universale.  Una maggiore diffusione e  conoscenza permetterà a tutti di accedere a sistemi sempre più evoluti, in grado di garantire a tutti l’accesso alle informazioni in modo profilato e in sicurezza.  Ignorare che il mondo va avanti indipendentemente da noi, non ci aiuterà a comprendere il prossimo futuro già operativo nella nostra quotidianità. La digitalizzazione abbatte le barriere e riduce le distanze sole se universalmente disponibile per questo motivo promuovere piattaforme castomizzabili e accessibili contribuisce a migliorare le reti business e crea i presupposti per un diverso modo di strutturare le relazioni d’impresa.

Digital set per eventi digitali

Istruzione e formazione: nuovi orizzonti formativi

Uno dei tempi più centrali e controversi oggi, che vorremmo sviluppare parallelamente alle nostre competenze formative nel business, è la realizzazione di una piattaforma ominicanale per l’istruzione dove la gestione delle attività in merito a formazione, amministrazione, facilità di accesso per studenti e lavoratori, diventino la base per uno sviluppo formativo a distanza sostenibile, convinti che il business di domani passi necessariamente dalla innovazione della formazione di oggi. Una piattaforma digitale formativa dove possano essere svolti esami di profitto con quiz e verifiche, concepiti per la formazione a distanza e non mutuati dalla formazione in presenza, lezioni con docenti in grado di testare l’apprendimento con moduli a risposta diretta in tempo reale e sistemi innovativi in grado di mantenere elevata l’attenzione e la concentrazione degli studenti dalle primarie alle scuole di specializzazione. L’insegnamento tradizionale nelle scuole, come per i corsi di formazione aziendali, hanno logiche differenti dalla lezione in presenza ed è su questa base che si dovrebbe partire per dare domani una scuola connessa ed evoluta, in grado di rispondere alle esigenze del nuovo mondo del lavoro. Anche la formazione universitaria, propedeutica all’ingresso nel mondo professionale, richiede una digitalizzazione rivolta alle necessità di utenti con grandi aspettative e forti motivazioni di sviluppo professionale, che non vanno disattese. Le piattaforme digitali possono diventare il luoghi di formazione degli esperti digitali di oggi e di domani. La scarsa conoscenza di data analysis applicata nell’operatività professionale è uno dei limiti più grandi del nostro sistema formativo. Tutte le professioni di tutti i settori faticano a decollare e comprendere le transizioni in tempi brevi e questo determina un grande impiego di risorse e di produttività che diversamente gestita potrebbe migliorare la qualità globale delle prestazioni. Siamo di fronte ad una rivoluzione che deve prendere in considerazione un cambio radicale di obiettivi. Economia circolare, riduzione degli sprechi e ottimizzazione delle risorse passano necessariamente dalla digitalizzazione e dalla capacità di condividere e analizzare dati ed informazioni nel minor tempo possibile e con strumenti di collegamento sempre più performanti e finalizzati all’obiettivo.

Tutta questa tecnologia necessaria per la transizione digitale esiste già, ma non è ancora stata utilizzata con una visione a più ampio raggio. La nostra sfida è quella di rendere tutto questo accessibile ad un numero sempre maggiore di utenti affinché si comprenda e si utilizzi sempre più nel mondo della comunicazione, della produzione e della logistica, il mondo impresa che anticipa la qualità della nostra vita nel prossimo futuro. La Saci Project non nasce come società digitale ma ha compreso le potenzialità culturali, tecniche, economiche e sociali di questi strumenti e ha deciso di farne una bandiera dell’innovazione personale nel mondo della comunicazione.

Vieni a scoprire i nostri servizi su www.saciproject.it

 


    Inserisci la risposta

    i termini sul trattamento dei dati personali


      Inserisci la risposta

      i termini sul trattamento dei dati personali